Il Prick by Prick test ed il Patch test sono due test che si utilizzano in allergologia per valutare due tipologie di risposta dell’organismo a determinati allergeni.
Il Prick by Prick è solitamente quello eseguito per primo poiché è rapido, maneggevole ed economico. Tuttavia nei bambini molto piccoli potrebbe dare dei falsi negativi a causa della scarsa reattività cutanea.
Si esegue ponendo degli allergeni in goccia sulla faccia volare dell’avambraccio e poi si punge attraverso essi la cute con un minuscolo ago, misurando poi l’eventuale reazione eritematosa a distanza di qualche minuto.
L’esame è indolore ma è controindicato in pazienti con storia di anafilassi.

Il patch test è un test più complesso e serve a valutare se la sostanza provochi nel soggetto una reazione cutanea di tipo ritardato, nel sospetto di dermatite atopica o di dermatite da contatto.
In questo caso il test si pratica con le sostanze adese alla schiena del paziente per 24/72 h ed il risultato viene poi interpretato dal medico.
Non può determinare il rischio di gravi reazioni allergiche, anche se può essere presente un intenso prurito nei soggetti sensibili.

(Visite Tot: 214, Oggi: 1 )
0

Commenti