Horror Vacui è una locuzione che indica il terrore del vuoto, conosciuto anche come cenofobia o, patologicamente, come agorafobia.
Aristotele affermava che “la natura evita il vuoto“, sostenendo in pratica che il vuoto non può esistere in quanto ogni spazio tende ad essere occupato dalla materia visibile e invisibile.
Oggi sappiamo che non aveva propriamente torto, in quanto il vuoto perfetto non si può ottenere in laboratorio e non è mai stato osservato in natura.
In realtà si ritiene che gran parte dello spazio profondo sia vuoto quasi totalmente, poché, anche se non ci fossero molecole, la presenza di un qualunque campo gravitazionale o elettromagnetico determinerebbe comunque il non raggiungimento del vuoto perfetto.
Senza voler entrare nel merito delle teorie quantistiche, chi volesse approfondire cerchi “Effetto Unruh“, per leggere un’interpretazione del concetto di vuoto in Fisica.
P.s.: Horror Vacui esprime anche un concetto del mondo dell’arte, che indica la necessità di occupare ogni minuscolo spazio bianco di una tela sino a riempirla completamente o arredare in modo quasi soffocante, come nell’età vittoriana.

(Visite Tot: 805, Oggi: 1 )
0

Commenti