L’epatizzazione è uno stadio della polmonite classica, osservato molto più frequentemente in passato, quando c’erano a disposizione poche opzioni terapeutiche.
Si divide in due parti: l’epatizzazione “rossa” e quella “grigia”.
La prima deve il suo nome al fatto che, dopo la congestione polmonare, si ha uno stravaso di globuli rossi che dà al polmone un aspetto degli alveoli simile a quello del fegato (da cui il nome) ma di colore rosso. In seguito, con l’evoluzione del quadro, si ha un accumulo di fibrina assieme ai globuli bianchi, che comporta un riempimento degli alveoli con detriti infiammatori ed essudati, per cui l’aspetto ricorda sempre quello di un fegato ma di colore grigiastro.
La fase finale sarebbe la risoluzione, con il riassorbimento degli essudati e la riparazione, ove possibile, del danno alveolare.

(Visite Tot: 197, Oggi: 1 )
0

Commenti