La maternità rappresenta un’epoca di cambiamento al quale spesso la donna fatica ad adattarsi. La neomamma incontra cambiamenti psicofisici ed emotivi, si trova a dover affrontare non solo i cambiamenti nella relazione di coppia, ma deve far fronte al nuovo ruolo genitoriale, alla presa in carico e cura del proprio bambino.

Nelle due settimane successive al parto, il 70-80 % delle donne manifesta un quadro clinico noto come baby blues (blues significa malinconia), che costituisce una reazione emotiva all’esperienza del parto, associata ad una brusca caduta degli ormoni (estrogeni e progesterone). 

Tale reazione è caratterizzata da tristezza, ansia, fluttuazioni dell’umore, irritabilità, insonnia, labilità emotiva. Ha un picco tra la 3° e la 5° giornata e generalmente si risolve entro 10-15 giorni dalla nascita del bambino. 

Tuttavia, una minoranza di queste donne va incontro ad una vera e propria depressione post-partum, che esordisce generalmente entro un anno dalla nascita del bambino con una sintomatologia che diventa più evidente intorno al 4°-5° mese.

In questa fase è molto importante che la neomamma e le persone che la circondano siano attenti a riconoscere i segnali per poter intervenire tempestivamente ed evitare che la depressione cronicizzi.

COME RICONOSCERE LA DEPRESSIONE POST PARTUM

Si parla di depressione in caso di umore depresso o in caso di perdita di piacere o interesse nello svolgimento delle attività quotidiane per la maggior parte della giornata, da almeno due settimane, e se compaiono altri sintomi quali:

  • Cambiamenti nell’appetito o nel peso (5 % di modificazione del peso in un mese)
  • Disturbi del sonno (insonnia/ ipersonnia);
  • Iperattività motoria o letargia;
  • Perdita di energia o fatica;
  • Inutilità o senso di colpa;
  • Ridotta concentrazione o indecisione
  • Pensieri ricorrenti di morte o tentativo di suicidio

COME PREVENIRE LA DEPRESSIONE POST PARTUM

Sono molteplici i fattori che concorrono alla comparsa della depressione postpartum: precedenti episodi di depressione, sostegno inadeguato, eventi stressanti/traumatici negli ultimi 12 mesi, problemi di relazione con il partner, precedente storia di perdita di un figlio, scarsa accettazione del proprio corpo e peso corporeo. Ciononostante è possibile prevenire o attenuare le manifestazioni della malattia:

  • Limitare le visite nei giorni del rientro a casa dopo il parto;
  • Dormire nelle stesse ore in cui dorme il neonato;
  • Seguire una dieta equilibrata che eviti eccessi e assunzione di eccitanti come alcool e caffè;
  • Esternare le proprie preoccupazioni con il partner, la famiglia o gli amici;
  • Rafforzare il rapporto di coppia;
  • Svolgere attività fisica;
  • Compilare un diario con le proprie sensazioni;
  • Partecipare ad incontri post-partum con altre neomamme (allattamento, corsi di massaggio infantile);
  • Interagire con il bambino, ridendo, suonando, parlando, cantando. 

TRATTAMENTO

I percorsi di cura sono individuali e dipendono dalla storia clinica e dal tipo di disturbo della donna. 

Tra i trattamenti non farmacologici:

  • Tecnica di rilassamento muscolare di Jacobson, che consiste in una sequenza organizzata di esercizi di contrazione e decontrazione di gruppi muscolari, al fine di ridurre gli effetti fisici dell’ansia migliorando la conoscenza del proprio corpo;
  • Tecniche di controllo del corpo e del respiro, come yoga o pilates.
  • Psicoterapia individuale o di coppia: l’intervento deve essere effettuato da uno psicoterapeuta professionista, possibilmente con competenze specifiche sulla maternità;

Queste soluzioni possono essere eventualmente associate ad un trattamento farmacologico, dopo attenta valutazione e sotto controllo medico.

QUANDO RIVOLGERSI AD UNO SPECIALISTA 

Se i sintomi depressivi perdurano per più di 7 o 10 giorni, puoi rivolgerti alla tua ostetrica, al medico di base, ad uno specialista o ai centri dedicati, come quelli segnalati da Onda nella sezione “Trova aiuto” del sito www.depressionepostpartum.it.

Essere depresse non è una colpa e non fa di te una cattiva madre.

(Visite Tot: 12, Oggi: 1 )
0

Commenti